#RECENSIONE // Grossman – L’inferno di Treblinka

Vasilij Grossman
L’inferno di Treblinka
 
Questo breve opuscolo giornalistico fu scritto sul finire dell’estate del 1944, subito dopo la liberazione del campo di Treblinka, usando fonti e informazioni di prima mano. Venne addirittura adoperato durante il processo di Norimberga.
 
l'inferno di treblinkaQui Grossman raggiunge le vette della sua carriera giornalistica. Lo stile è diverso dai seguenti capolavori letterari. È asciutto e duro, non divaga in constatazioni del momento ( ad esempio, in Tutto scorre… solo alcuni capitoli si avvicinano a questo lavoro, a livello di impostazione stilistica). Ma in questo lavoro, l’ancora giornalista sovietico, deve descrivere la dura realtà del genocidio perpetrato dai nazisti, arrivando a porsi il problema che forse chi ha compiuto tutto ciò uomo non lo era: sono pagine tremende, Grossman riesce nella settantina di pagine scarse a concentrare l’odio nazista e buttarcelo addosso, dicendo: perché è successo?
 
E nelle ultime, terribili, pagine guarda in avanti e prevede, quasi, il fascino che simili massacri potranno avere sull’uomo del futuro, sia esso vicino o lontano:
 

“Dobbiamo tenere a mente che di questa guerra il nazismo, il razzismo, non serberanno soltanto l’amarezza della sconfitta, ma anche il ricordo fascinoso di quanto sia stato facile uno sterminio di massa.
E dovrà tenerlo a mente ogni giorno, e con grande rigore, chiunque abbia cari l’onore, la libertà, la vita di ogni popolo e dell’umanità intera.”
(V. Grossman, L’inferno di Treblinka, p. 79)

GIUDIZIO:

*****

DATI TECNICI DEL TESTO RECENSITO
AUTORE:
Vasilij S. Grossman
TITOLO:
L’inferno di Treblinka
CASA EDITRICE:
Adelphi
N° PAGINE:
79
ANNO DI EDIZIONE:
2010 (ed. or. 1944)

Annunci