#RECENSIONE // Zelati – Supercattive

Paolo Zelati
Supercattive. Le donne più cattive di tutti i tempi
Curioso libriccino su quelle che vengono definite come “le donne più cattive di tutti i tempi”.
Il titolo “Supercattive” fa, però, sorridere evocando qualche cartone animato per bambini ed è forse per questo motivo che viene relegato nella prima pagina, scopribile solo aprendo il libro. Ma fan sorridere, anche gli pseudonimi dati a queste donne: “Nonna morte”, “l’Uomo Nero al femminile”, “la peggior madre del mondo”, “la bambina demoniaca”.
Nonostante la non incoraggiante accoppiata copertina e quarta di copertina (che contiene tutti i terribili soprannomi delle donne), mi son avventurato nella lettura del libro.
Devo dire che, fatto salvo delle efferate criminali novecentesche, delle quali si presuppone l’esattezza e la fondatezza delle colpe e degli altri, per molte altre donne si riportano fenomeni vecchi di secoli, se non millenni ( ad esempio Messalina) e l’assenza più totale di note o di una bibliografia conclusiva fa assumere alle varie schede un’aurea di leggenda, un’aurea mitica, di un qualcosa di malvagio perso nella notte dei tempi.
Nell’insieme penso che questo è un libriccino che può far comodo se si è a corto di idee  da regalo, può essere un qualcosa di ironico e divertente, o se si vuole raccontare qualche storiella fuori dall’ordinario agli amici. Da lì in là basta, l’inutilità fatta libro. 

GIUDIZIO:

**

DATI TECNICI DEL TESTO RECENSITO
AUTORE: Paolo Zelati
TITOLO: Supercattive. Le donne più cattive di tutti i tempi
CASA EDITRICE: Liberante editore
N° PAGINE: 111
ANNO DI EDIZIONE: 2010

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...